Weekend a Valona

In questo itinerario si parte dal suo lungomare, dove godersi una rilassante passeggiata durante il giorno, e dove si trovano locali e pub aperti tutta la notte in cui trascorre frizzanti serate e, per i più giovani e nottambuli, intere nottate facendo mattina e aspettando l’alba in spiaggia. Non mancano i punti di interesse storico-culturale visitabili in due giorni in città.

Vale la pena iniziare la visita dal centro della città, Piazza della Bandiera, dove è situato il Museo dell’Indipendenza. Nel pomeriggio, dopo un pranzetto tradizionale, raggiungere la collina di Kuz Baba, conosciuta anche come la terrazza naturale di Valona, che è la più alta della città e da cui si può godere di una vista panoramica impareggiabile: sulla sua sommità sorge un tempio del 1600 considerato uno dei più belli dell’Albania. Dal tardo pomeriggio niente di meglio che un aperitivo sul lungomare per godersi un tramonto e una cenetta in riva al mare.

Non può mancare poi una visita alla splendida moschea di Muradie: il bianco minareto e la cupola di mattoni rossi svettano tra gli alberi in pieno centro a Valona, l’opera dell’architetto ufficiale dell’impero ottomano è un gioiello architettonico da non perdere Nel pomeriggio si può visitare il Museo Etnografico, all’interno di uno dei più antichi edifici di Valona: rappresenta il mondo delle tradizioni e della cultura albanese, l’artigianato e i costumi della regione di Valona.

Altro punto di interesse turistico è il castello di Kanina: antiche rovine di una fortezza bizantina risalente al III° secolo a.C. situata in un tratto di costa panoramico in cima ad una collina alta circa 400 metri.

Per completare il percorso non può mancare una visita all’antica città di Orikum fondata dai coloni greci su una bassa collina calcarea di circa 5 ettari all’estremità meridionale della baia di Valona. Ad appena 4 km da Orikum si può visitare l’omonimo Parco Archeologico e la Chiesa Marmiroi risalente ai tempi dell’imperatore bizantino Teodoro.